Passa ai contenuti principali

Approfondimento sull'artista Robert Rauschenberg


Robert Rauschenberg è uno tra i personaggi più determinanti per lo sviluppo dell’arte americana degli ultimi 50 anni. Dall’arte di questo artista, e di Jasper Johns, deriva la più etichettata pop art. In realtà è difficile collocare l’artista in una determinata corrente, se in un iniziale momento poteva essere associabile all’Espressionismo astratto, con opere come “Interview” e “Retroactive 1”, l’utilizzo di una figurazione forte ed indipendente ne discosta le assonanze, le sue opere poco hanno a che fare con il quadro. Le opere di Rauschenberg pongono la critica davanti ad un dilemma: così infatti osserva il critico George Sorley Whittet, nel 1964, sulla rivista "Studio International": "L'assenza dell'arte non aiuta in nessun modo le nostre reazioni di fronte alla vita. Quella che Rauschenberg ci offre è la vita allo stato puro; sta a noi trovarvi l'arte, da soli."
Concetto a cui fa eco Andrew Forge quando, nel 1970, afferma: "La vita ha penetrato la sua opera in lungo e in largo, e ogni sua opera, più che imporci una definizione di arte, scaturisce da una ricerca di tutti i possibili contesti nei quali può verificarsi il fatto artistico."

Le composizioni di Rauschenberg sono esemplificazione di un concetto di abbondanza che si riferisce sia agli stimoli che l'ambiente urbano riversa sugli abitanti, sia all'erogazione industriale di beni materiali ed al conseguente spreco, il tutto espresso in termini di una espansiva "sensualità documentaristica", per usare una definizione del critico inglese Lawrence Alloway. Nascono così le sue esperienze polimaterialistiche, i combine-painting, le sue opere di collage, di riciclaggio, di riutilizzo del prodotto di scarto che viene in un certo qual modo "redento" dall'opera dell'artista in un rito che Edward Lucie-Smith definisce "iconico-celebrativo" dei miti consumistici.

Utilizzando un modo espressivo quale l'assemblage, che di per sè tende ad escludere l'idea di uno stile, Rauschenberg riesce invece ad inventare un suo riconoscibilissimo linguaggio formale che sarà fonte di spunti ed influenze per le generazioni che seguiranno, prima di tutte la generazione degli artisti pop. La sua opera è unica, è probabilmente scorretto forzarne l’etichettatura.
 
 

Il "caos" come espressione formale, la stratificazione delle informazioni come memoria storica, il contrasto cromatico.
                                                                                             Robert Rauschenberg, Estate, 1963

 

Commenti

Post popolari in questo blog

ESAME FINALE 17/07

GLI STEP DEL PROGETTO
 IL PROGETTO


IL PLASTICO

PRE ESAME 23/06

PLASTICO WORK IN PROGRESS

COMPAGNI DI VIAGGIO E PROGRAMMI